Stage con il Maestro Piotr Bonikowsky

17 mag
0

A cura dell’Istr. Alberto BertottoDomenica 17 maggio 2015, presso il Palazzetto dello sport di Settimo Torinese, si è tenuto lo stage di autodifesa con il Maestro Bonikowky.
L’evento promosso all’interno della ricca e variegata realtà marziale del Viet-Chi Institute con l’ormai consuetudinaria, precisa e puntuale organizzazione del Maestro Davide Scialpi (che aveva in mattinata ricevuto anche la cintura di quarto Dang dal GM Hoang) e del Maestro Alessandro Crivellaro, segue i due giorni di stage con il Grande Maestro Phoan Hoang; il patriarca, presente anche domenica pomeriggio ha sostenuto in apertura della sessione di allenamento lo spirito ed il collegamento di qualunque pratica del Viet-Chi Institute con l’applicazione al combattimento. Il Maestro polacco Bonikowky vanta in tal senso un curriculum invidiabile che attraversa le arti marziali fino ai sistemi di autodifesa applicati dalle forze armate; questo ha consentito ai praticanti presenti di qualunque età e grado di poter anche apprendere inizialmente dalle sue parole l’atteggiamento mentale ripetto ad uno scenario che precede un’aggressione. Fondamentale è stato quindi l’accento alla mente e la lucida presenza del praticante nelle situazioni a rischio di conflitto fisico come fattore di protezione rispetto ad uno scontro, considerato come l’ultima possibilità percorribile quando tutte le altre per evitarlo falliscono.
La parte applicativa ha visto inizialmente proprio l’illustrazione e l’applicazione di modalità di evitamento anticipatorio di un potenziale aggressore per poi arrivare alle tecniche a mani nude di difesa dalle prese ed attacchi più frequenti. In una seconda parte dello stage il gruppo delle cinture nere ha potuto vedere ad applicare delle tecniche di aggressione da coltello. Anche in questo caso è stato realisticamente sottolineato dal Maestro Bonikowky come il coltello sia per sue caratteristiche intrinseche un’arma pericolosissima e dalla quale sia molto difficile sottrarsi incolumi anche con una buona preparazione ed addestramento.
Durante lo stage sono stati illustrati in maniera trasversale alle tecniche proposte anche molti punti sensibili agli shock abbinati ad una filosofia dell’autodifesa che comunque mira a neutralizzare l’attacco avversario ma a mantenere intatta l’incolumità stessa dell’avversario. Personalmente ho trovato particolarmente piacevole l’eterogeneita dei praticanti che mi ha fornito il senso di un collegamento con tutta quella che è la realtà nazionale ed internazionale del Viet-Chi Institute e mi porto a casa oltre alla ricchezza del bagaglio tecnico aquisito, anche e soprattutto i sorrisi, il clima impegnato, curioso e piacevole di questa domenica pomeriggio…  e la voce del Maestro Bonikowky che tra lo scherzo ed pragmatico esclama: “Eliminate!

Categories:
Tags:

Leave a Reply

Your email is never published nor shared. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes:
<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>